5 curiosità sui ricci

di lovemypets_it
5 curiosità sui ricci

Se vuoi scoprire 5 curiosità sui ricci, questo è l’articolo che fa per te!

I ricci africani sono creature strane e meravigliose, e nonostante il loro aspetto “pungente”, in realtà sono ottimi animali domestici.

Tuttavia, mentre molte persone tengono questi animali nelle loro case, poche persone sembrano sapere molto su di loro.

Ecco che oggi andiamo a scoprire 5 curiosità interessantissime sui ricci!

1. I ricci non sono roditori

Contrariamente alla credenza popolare, i ricci non sono roditori!

Questo mito è nato probabilmente perché sono così spesso confusi con i porcospini, che invece lo sono.

Tuttavia, i ricci e gli istrici non sono affatto correlati, poiché i ricci sono in realtà membri dell’ordine dei mammiferi eulipotifli (mammiferi placentati). Questo li rende più vicini ai toporagni, che hanno anche loro l’aspetto di roditori, pur non essendolo.

2. Vivono tantissimi habitat

Esistono 17 specie di ricci in tutto il mondo.

Si trovano in Europa, Asia e Africa, e sono una specie introdotta in Nuova Zelanda.

I ricci hanno caratteristiche che permettono loro di vivere in foreste, deserti, savane, parchi e giardini domestici. A seconda di dove vivono, possono annidarsi sotto piccoli cespugli o rocce o scavare tane nel terreno.

In Italia solo quelli africani si possono tenere come animale domestico, quello europeo è una specie protetta.

3. Hanno un’armatura incorporata

I ricci possono ringraziare i loro aculei per il loro aspetto caratteristico.

Sono in realtà peli modificati fatti di cheratina che coprono la schiena e i lati del corpo.

Ci sono da 5.000 a 7.000 aculei, o quill, su un riccio adulto medio.

Non sono né velenosi né spinati, e a differenza degli aculei di un porcospino, quelli del riccio rimangono saldamente attaccati all’animale.

La maggior parte dei ricci ha gli aculei dalla nascita, (quello africano comunque nasce senza aculei)

Alcuni sono sotto uno strato di pelle piena di fluidi e altri sono coperti da una membrana. I primi aculei dei ricci sono molto più morbidi e vengono sostituiti da aculei più forti man mano che crescono.

4. Non tutti vanno in letargo

Poiché i ricci vivono in una varietà di climi in tutto il mondo, alcune specie hanno bisogno di andare in letargo per superare i freddi inverni.

I ricci nelle regioni desertiche possono rimanere svegli tutto l’anno o sperimentare un periodo di torpore di 24 ore o meno.

Nelle regioni più fredde, i ricci possono andare in letargo fino a sei mesi; mangiano prima del letargo e immagazzinano grasso per diverse settimane. Durante questo periodo, si svegliano, cercano il cibo e tornano a dormire.

Durante le stagioni più calde o quando gli inverni sono particolarmente miti, possono non andare in letargo affatto.

5. I ricci africani hanno bisogno di socializzare!

I ricci sono ottimi per le persone che hanno il tempo di gestire il proprio animale domestico ogni giorno per socializzare. Stanno bene quando sono alloggiati da soli e non hanno bisogno di essere tenuti con altri ricci, ma dovrebbero essere lasciati fuori dalle loro gabbie almeno una volta al giorno per fare esercizio e l’interazione sociale.

Potrebbe piacerti anche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi