Cani da caccia in adozione: i bracchi di Piera

di lovemypets_it
bracco cane da caccia

I bracchi di Piera sono meravigliosi e non aspettano altro che una famiglia che li adotti per sempre: sono cani che vengono  abbandonati per motivi familiari o perché non riescono più a fare il loro lavoro, cacciare, e si trovano quindi all’improvviso senza una famiglia.

Piera, milanese forte e coraggiosa,  è la signora che ha iniziato ad aiutarli, ma la sua storia come amante degli animali parte da molto prima.

Il suo amore per i cani è iniziato quando aveva cinque anni, cercando di aiutare quelli che trovava in giro; adesso che in casa di cani ne ha cinque,  aiuta quelli più bisognosi.

Ha deciso di dare tutto il suo amore ai cani di caccia che lei considera i migliori amici dell’uomo: leali, equilibrati, collaborativi, degli ottimi compagni per chi ha voglia di dedicare loro un po’ di tempo.

Il suo primo incontro con questi cani è stato con un pointer affetto da leishmania salvato da una situazione di degrado, legato a una catena di un metro; voleva dargli una seconda vita ed è riuscita facendosi aiutare dall’Associazione Ti Affido Fido, a Gorgonzola, alle porte di Milano.

La sua avventura è iniziata con lui, poi altre volontarie le hanno chiesto aiuto per salvare altri cani da caccia, anche se a volte dà una mano anche a cani che con la caccia non hanno nulla a che vedere.

cane da caccia bracco

Chi può adottare un cane da caccia

  • Per adottare un cane da caccia bisogna capire se si è idonei: non tutti infatti possono essere dei bravi compagni di vita. Questi cani hanno bisogno di moltissimo movimento, di esplorare luoghi e di annusare in giro.
  • Bisogna avere molto tempo per portarli fuori per più ore al giorno.
  • Lo spirito del cane da caccia non invecchia mai: sono sempre desiderosi di esplorare il mondo; il loro compagno di vita deve quindi adattarsi ai suoi ritmi se vuole rendere felice il cane che sta per adottare.
  • Piera è sempre molto attenta alle famiglie di adottanti, che vuole conoscere personalmente per capire se sono davvero pronte.

Ogni cane ha la sua famiglia, non tutti i cani vanno bene per tutti; quindi inizia la valutazione sia del cane che della famiglia che lo vuole adottare.

Piera paga tutto di tasca sua: le cure, i vaccini, il trasporto, la pensione dove i cani vivono finché non vengono adottati.

Piera porta avanti questa missione solo grazie alle sue forze e alle  donazioni delle famiglie che li adottano.

Il benessere dei cani

bracco al guinzaglio cane da caccia

A volte si fa prendere dallo sconforto: quando i suoi cani rimangono troppo tempo nei box, Piera non riesce a dormire la notte, per lei tutti i cani che salva è come se fossero di famiglia.

È una persona forte! Quando le ho chiesto di lanciare un appello per farsi aiutare, mi ha risposto che bisogna cercare cani nei canili, e dare loro una vita degna di questo nome. Secondo lei, è una scelta molto personale che richiede impegno e sacrificio, non potrebbe mai costringere nessuno ad adottare, ma può invece aiutare un futuro adottante a fare la scelta giusta.

 

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la Privacy & Cookie Policy di questo sito web.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi