Cani e gatti: cosa dice la legge a Torino

di lovemypets_it
gatti a Torino e Palermo cosa dice la legge

Continuiamo il nostro viaggio in Italia alla scoperta delle leggi da seguire e la tutela del benessere animale.

Cani e gatti: cosa dice la legge a  Torino, non solo per gli animali liberi ma anche per quelli di proprietà?

Scopriamolo insieme!

cani e gatti a Torino cosa dice la legge

Il comune di Torino è molto dettagliato per quanto riguarda la tutela e il benessere animale: vengono date indicazioni precise su come dev’essere la cuccia esterna e ci sono indicazioni precise sul numero di passeggiate da fare.

Cosa dev’essere garantito agli animali domestici

  • La buona tenuta, la cura
  • Un’alimentazione adatta alla specie, alla razza e all’età
  • Le visite veterinarie quando necessario
  • La possibilità di soddisfare le proprie fondamentali esigenze relative alle proprie caratteristiche anatomiche, fisiologiche e comportamentali
  • Un idoneo riparo
  • La cuccia deve rispettare alcune specifiche, nel caso dei cani dovrà essere adeguata alle dimensioni dell’animale,

Inoltre è vietato:

  • Condurre o far correre animali legati al guinzaglio o liberi al seguito di mezzi di locomozione in movimento su terra ed acqua. È consentito limitatamente alle biciclette e nelle aree verdi ed isole pedonali (parchi, giardini, ecc.) a condizione di non sottoporre l’animale ad affaticamento o sforzo. In tal caso è consigliabile l’uso della pettorina in luogo del collare. È comunque vietato l’utilizzo del collare a strozzo
  •  Separare i cuccioli dalla madre prima di 60 giorni e gli stessi.

Vorrei mettere in evidenza queste due restrizioni:

“È vietato su tutto il territorio del Comune di Torino, fare esplodere petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici in genere. L’attivazione di petardi, botti, fuochi d’artificio e simili può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti degli animali come previsto dallo stesso articolo 9 comma 1, e comporta quindi responsabilità dei trasgressori. Eventuali autorizzazioni in deroga saranno valutate dalla Città.”

E ancora, abitate in un condominio e il vostro amministratore vi ha fatto storie perché avete animali domestici? Leggete qui:

“I regolamenti condominiali non possono contenere disposizioni che vietino la detenzione di animali. Nel caso di regolamenti preesistenti, tale disposizione è da ritenersi abrogata”. 

Da ricordare che Torino incoraggia la pet therapy!

cani e gatti a Torino cosa dice la legge

 

Vediamo adesso nello specifico cosa dice per quanto riguarda i cani e i gatti

Cani

  • Ai cani deve garantita una regolare attività motoria, si consigliano almeno tre uscite al giorno
  • Devono essere tenuti al guinzaglio, di lunghezza non superiore ai due metri e in caso di cani mordaci anche la museruola
  • È consentito lasciare i cani liberi senza guinzaglio nelle apposite aree di sgambamento, le aree cani ed è consentita la permanenza massima di 15 minuti se fuori c’è qualcuno che aspetta
  • Possono entrare nei locali aperto al pubblico, salvo restrizioni igienico sanitarie che però devono essere comunicate con apposito cartello fuori dal locale.
  • E attenzione, ancora una cosa che farà balzare sulla sedia i contrari alle borse per i cani: i cani all’interno dei locali, devono essere tenuti al guinzaglio o in braccio o in borsa!

A Torino non esiste un corso per il patentino per le razze speciali come a Milano ma:

  • Esiste un sistema di monitoraggio delle aggressioni avvenute sul territorio cittadino;
  • Viene definito un protocollo per la valutazione, nel pieno rispetto del benessere psico-fisico del cane, del livello di aggressività dei cani coinvolti in episodi che abbiano comportato lesioni di rilevante entità nei confronti delle persone
  • Viene individuato  un protocollo di rieducazione comportamentale che coinvolga obbligatoriamente anche il proprietario o detentore di cani morsicatori e vengono individuati strumenti (quali pubblici registri, corsi obbligatori con rilascio di relativo attestato, ecc.) finalizzati a responsabilizzare i detentori di cani appartenenti a categorie potenzialmente pericolose, che saranno definite dalla Commissione Tecnico Scientifica tenendo conto anche di quanto disposto dalla normativa vigente
  •  Vengono individuati programmi ed iniziative rivolti alla popolazione e finalizzati a prevenire le cause che generano l’aggressività canina, attraverso un positivo rapporto uomo-cane.

 

Ultima raccomandazione, quando andate in passeggiata col vostro cane, ricordate di portarvi sempre dietro l’originale o fotocopia autenticata del documento comprovante l’iscrizione dell’animale all’anagrafe canina o certificato di avvenuto tatuaggio o di avvenuto inserimento di microchip.

Se non li avete con voi, avrete tempo cinque giorni per esibire il documento per evitare una sanzione ulteriore rispetto a quella minima già attribuita.

Gatti

Le colonie feline ed i gatti liberi non possono essere catturati, spostati od allontanati dall’habitat dove risiedono,

Le/i gattare/i potranno, rivolgersi alle mense, per il prelievo di avanzi alimentari da destinare all’alimentazione dei gatti, così come a Roma

Inoltre, è vietato segregare i gatti in trasportini, balconi, cantine anche se per breve tempo.

Al fine di evitare e contenere l’incremento della popolazione felina, nel caso di gatti che siano lasciati uscire all’esterno dell’abitazione e vagare liberamente sul territorio, è consigliabile che i proprietari o detentori provvedano alla sterilizzazione degli stessi.

I gatti che vivono vicino ai cantieri possono essere spostati ma una volta terminati i lavori devono essere rimessi dove stavano prima.

Se volete leggere il regolamento completo della Tutela e Benessere animale della città di Torino, cliccate qui.

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la Privacy & Cookie Policy di questo sito web.