La regina Elisabetta e i suoi corgi

di lovemypets_it
la regina Elisabetta e i suoi corgi

La regina Elisabetta è famosa per essere la sovrana più amata in tutto il mondo, ma anche perché ha una grande passione per i suoi corgi.

Il padre le regalò Jane quando era ancora piccola; Jane proveniva dall’allevamento del Marchese di Bath.

Purtroppo la cagnolina non visse a lungo: una persona che lavorava alla casa reale la investi con la sua automobile.

il padre, re Giorgio, le regalò anche la sua seconda corgi, Susan. La regina Elisabetta era talmente attaccata a lei che la portò  in viaggio di nozze con il consorte Filippo.

regina elisabetta e i suoi corgi

I corgi della regina  fanno una vera e propria vita da re: viaggiano su aerei privati, hanno il loro guardaroba, hanno spazi dedicati totalmente a loro, le ciotole in cui mangiano sono sollevate da terra per evitare che si sporchino, seguono una dieta approvata dai veterinari

La regina Elisabetta è stata anche morsicata: due di loro stavano litigando e la regina  ha messo la mano per dividerli (mai farlo se non volete rischiare di farvi seriamente male!).

I corgi della regina Elisabetta sono diventati famosi in tutto il mondo nel 2012: per  la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi che si tenevano proprio a Londra, l’attore Daniel Craig andava a prendere la regina a Buckingham Palace e la portava con sé a vedere le olimpiadi seguita.. dai suoi corgi!

Ma perché quindi alla regina piacciono così tanto i corgi?

Perché le sono stati regalati dal padre quando era piccola e Susan, il suo vero primo grande amore,  è stata la capostipite di tutti i corgi che ha la regina.

la regina elisabetta e i suoi corgi

CC BY-SA 3.0, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=37091586

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la Privacy & Cookie Policy di questo sito web.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi